Italian
English
German
Spanish

Nell'oro Ci Fidiamo Di Più

Usato nel corso della storia per conservare e mostrare la ricchezza, l'oro ha resistito alla prova del tempo e oggi è tanto ambito e prezioso quanto lo era mille anni fa. Con i governi che scatenano politiche monetarie ultra-allentate e deficit di miliardi di dollari, gli investitori hanno sempre meno opzioni per proteggere e preservare la loro ricchezza. Il Congressional Budget Office degli Stati Uniti prevede un deficit di bilancio di 2,3 trilioni di dollari per l'anno fiscale 2021, che è un numero impressionante.

Metal.Digital: 16/08/2021

Usato nel corso della storia per conservare e mostrare la ricchezza, l'oro ha resistito alla prova del tempo e oggi è tanto ambito e prezioso quanto lo era mille anni fa. Con i governi che scatenano politiche monetarie ultra-allentate e deficit di miliardi di dollari, gli investitori hanno sempre meno opzioni per proteggere e preservare la loro ricchezza. Il Congressional Budget Office degli Stati Uniti prevede un deficit di bilancio di 2,3 trilioni di dollari per l'anno fiscale 2021, che è un numero impressionante.1

Si potrebbe pensare che un deficit di bilancio di 2,3 trilioni di dollari susciti un po' più di clamore, tuttavia, fortunatamente (o sfortunatamente) la mente umana è eccezionalmente cattiva nell'interpretare i grandi numeri, quindi non sorprende che i deficit di bilancio da un trilione di dollari non vengano registrati.2 Per comprendere la grandezza di un trilione di dollari abbiamo bisogno di metterla in una prospettiva più comparabile; secondo l'Endowment for Human Development, se impilate 1 trilione di banconote da un dollaro una sopra l'altra, l'altezza della pila raggiungerebbe 67.866 miglia che è ¼ della strada per la luna!3 Quindi una pila di 2,3 trilioni di banconote da un dollaro raggiungerebbe più di metà strada per la luna. Mentre questo può essere solo un altro piccolo passo per il Tesoro degli Stati Uniti, è sicuramente un passo da gigante per l'umanità! 

Gli Stati Uniti rappresentano circa il 25% della produzione economica globale, ma oltre il 50% di tutte le riserve valutarie e del commercio mondiale è in dollari USA.4 Questo privilegio unico, risultato dell'accordo di Bretton Woods del 1944, permette agli Stati Uniti di stampare tutti i dollari che vogliono senza il rischio di una crisi della bilancia dei pagamenti. Questo privilegio unico significa anche che, pur essendo il più grande paese per le importazioni, gli Stati Uniti non hanno bisogno di tenere grandi riserve di valuta estera e in realtà sono al 17° posto nel mondo, subito dopo la Polonia.5,6 Il controllo della "moneta mondiale" trasmette un altro grande potere unico (e una grande responsabilità), vale a dire la capacità di sanzionare e punire i suoi avversari e concorrenti strategici. Gli Stati Uniti hanno sempre più usato il loro controllo del sistema commerciale e di pagamento del dollaro per sanzionare e punire i loro avversari e concorrenti strategici utilizzando la legislazione come l'International Emergency Economic Powers Act, il Trading with the Enemy Act, il Patriot Act, Defending American Security From Kremlin Aggression Act, e lo Strategic Competition Act. La militarizzazione del dollaro USA e del sistema di pagamento, mentre è elegante nel sottomettere i nemici senza bisogno di combattere, è in ultima analisi autodistruttiva e semina i semi della sconfitta finale (del dollaro). Mentre gli Stati Uniti si sono impegnati in qualche forma di armamento finanziario per anni, il disprezzo sfrenato del presidente Trump per un ordine internazionale basato su regole, ha elevato la coercizione finanziaria a una nuova forma d'arte. Secondo Adam Smith, ex funzionario del Tesoro degli Stati Uniti, Trump stava "usando l'importanza e l'attrattiva del mercato statunitense per il resto del mondo come strumento coercitivo per far piegare gli altri alla sua volontà".7 I politici sono spesso poveri studenti di storia e farebbero bene a prestare attenzione all'esperienza britannica di imporre controlli diretti e restrizioni sulla zona della sterlina che ha accelerato la scomparsa della sterlina come valuta di riserva.8

La de-dollarizzazione non è una novità e in effetti la quota del dollaro USA nelle riserve delle banche centrali mondiali è diminuita dal 71% nel 1999 a un minimo di 25 anni del 59% alla fine del 2020.9 Possiamo anche vedere questa tendenza nella figura 1, che evidenzia la crescente differenza tra le riserve globali totali e le riserve globali totali in dollari negli ultimi 20 anni. Il fatto che le riserve globali di dollari USA abbiano rallentato significativamente durante la presidenza Trump può benissimo brillare di luce propria sulla saggezza di alcune delle sue politiche.

Figura 1: Riserve Globali Totali Contro Riserve Globali Totali in USD

Uno dei beneficiari della de-dollarizzazione è stato l'oro, che è stato sempre più aggiunto alle riserve globali da paesi sempre più preoccupati dal lungo braccio della "giustizia" statunitense. Per esempio:

- La Russia che ha aggiunto 1.600 tonnellate alle sue riserve d'oro negli ultimi 10 anni, e

- La Cina che ha aggiunto 900 tonnellate alle sue riserve d'oro negli ultimi 7 anni.10 

Figura 2: Riserve Mondiali D'oro in Traiettoria Ascendente dal 2008

Brown’s Bottom

Il fondo di Brown

Come disse una volta Venita VanCaspel "L'inflazione toglie agli ignoranti e dà ai ben informati", una lezione che il cancelliere Brown avrebbe fatto bene a seguire; nel 2000, la famiglia media statunitense poteva permettersi di acquistare circa 151 once d'oro, mentre 20 anni dopo, nel 2019, la famiglia media statunitense potrebbe permettersi di acquistare solo 49 once d'oro, il che si traduce in una riduzione effettiva del potere d'acquisto del 68%!11,12 

Nel Regno Unito, dove la casa di un inglese è il suo castello, la proprietà è un diritto di nascita nazionale con oltre il 60% delle famiglie che possiedono la propria casa.13 La proprietà è molto amata e riverita qui nel Regno Unito e ben nota per preservare la ricchezza generazionale, tuttavia, anche qui possiamo vedere che il prezzo medio di una casa britannica è diminuito di oltre il 50% in termini di oro. 

L'esperienza nel Regno Unito suggerisce che un investimento in oro all'inizio del secolo sarebbe stata una decisione molto più redditizia di un investimento in proprietà. Infatti, l'oro è stato uno dei migliori investimenti negli ultimi 20 anni, guadagnando oltre il 600% in linea con le azioni dei mercati emergenti Una volta che si tiene conto dei costi del prodotto di 14,5bps per un ETC oro e 60+ bps per i prodotti azionari EM, un investimento in oro negli ultimi 20 anni sarebbe stato Buffetesque nella sua saggezza!

Note a Piè di Pagina

1. https://www.cbo.gov/publication/56996

2. https://towardsdatascience.com/the-small-problem-with-big-numbers-4f3dad23ce01

3. https://www.ehd.org/science_technology_largenumbers.php

4. https://statisticstimes.com/economy/projected-world-gdp-ranking.php

5. https://www.indexmundi.com/g/r.aspx?t=10&v=89&l=en

6. https://www.gold.org/goldhub/data/monthly-central-bank-statistics

7. https://www.ft.com/content/5694b0dc-91e7-11e9-aea1-2b1d33ac3271

8. https://www.quceh.org.uk/uploads/1/0/5/5/10558478/wp21-02.pdf

9. https://blogs.imf.org/2021/05/05/us-dollar-share-of-global-foreign-exchange-reserves-drops-to-25-year-low/

10. https://www.gold.org/goldhub/data/monthly-central-bank-statistics

11. https://www.census.gov/library/publications/2001/demo/p60-213.html

12. https://www.census.gov/library/publications/2020/demo/p60-270.html

13. https://www.ethnicity-facts-figures.service.gov.uk/housing/owning-and-renting/home-ownership/latest

Grazie per aver letto questo articolo su Metal.Digital

Condividilo con la tua rete sociale

Altri Articoli