Italian
English
German
French

L'indice RICI - Sfruttare le Dinamiche del Consumo Mondiale di Materie Prime

Le materie prime sono incluse nei portafogli istituzionali e privati per una serie di motivi: come fonte di rendimento, per fornire una diversificazione dalle azioni e dalle obbligazioni e per proteggere dall'inflazione. Le materie prime tendono ad avere una bassa correlazione con le attività finanziarie, poiché le attività reali rispondono in modo diverso ai cambiamenti dei fondamentali economici. Forniscono un'esposizione diretta ai cambiamenti dei modelli di consumo nazionali ed industriali.

Metal.Digital: 25/05/2021

Il Rogers International Commodity Index (RICI Index) è un ampio indice composito a rendimento totale denominato in USD, progettato alla fine degli anni '90 da Jim Rogers, noto investitore, commentatore finanziario ed autore. Rogers ha progettato questo paniere per riflettere il consumo di materie prime in tutta l'economia globale, compresi i paesi sviluppati ed in via di sviluppo, attraverso una vasta gamma di prodotti energetici, metallici ed agricoli.

Capire il RICI Broad Commodity Index

Jim Rogers, che ha co-fondato il Quantum Fund negli anni '70 ed ha coniato la frase "superciclo delle materie prime", ha lanciato l'indice RICI nel 1998 perché era insoddisfatto della scelta degli indici delle materie prime quando cercava di investire il suo capitale personale. Ha osservato che gli indici delle materie prime all'epoca fornivano principalmente un'esposizione ai contratti scambiati nelle borse statunitensi e quindi non riflettevano completamente il consumo globale delle materie prime.  

Come indice internazionale, l'indice RICI è stato progettato per incorporare le materie prime comunemente usate non solo nelle economie sviluppate, ma anche in quelle in via di sviluppo; le industrie legate alle materie prime generalmente rappresentano una proporzione maggiore delle economie meno mature che tendono ad essere incentrate su attività come l'agricoltura, l'estrazione, la costruzione di infrastrutture e la produzione. 

Rogers ha osservato che miliardi di persone mangiano riso ogni giorno, anche se il riso non è stato incluso negli indici tradizionali, così come altre materie prime ampiamente utilizzate come la gomma ed il legname. L'indice RICI è progettato come un benchmark internazionale che fornisce una copertura completa dell'universo globale delle materie prime. È composto da un paniere di contratti futures su 38 materie prime fisiche scambiate in borsa, che sono quotate in quattro diverse valute e quotate in dieci borse in quattro paesi.1

La ponderazione dell'indice sulle singole materie prime mira a bilanciare il consumo mondiale con la liquidità dei contratti sulle singole materie prime. Gli indici azionari sono comunemente ponderati in base alla capitalizzazione di mercato. Un tale concetto non esiste per le materie prime, quindi l'indice RICI misura il consumo di materie prime tracciando i modelli internazionali di importazione ed esportazione ed il consumo interno nelle principali economie mondiali basate sulle materie prime. Un altro fattore critico di progettazione è il volume di trading e la liquidità dei contratti sulle materie prime.  

I mercati dei futures sulle materie prime riuniscono una gamma diversificata di produttori, consumatori, speculatori ed investitori che cercano esposizione per una varietà di scopi. Questa vasta gamma di partecipanti al mercato tende a fornire maggiore liquidità ed efficienza rispetto al mercato fisico. Questo è il motivo per cui il RICI investe in contratti futures piuttosto che in materie prime fisiche. Inoltre, l'investimento in futures evita il costo e la complessità di prendere la consegna fisica delle materie prime richieste nel mercato spot.

Altri Indici di Materie Prime Comunemente Usati

Il Bloomberg Commodity Index (BCOM), lanciato nel 1998, è composto da 21 diversi contratti future su materie prime.2 Le materie prime sono ponderate per riflettere la loro importanza economica e la liquidità attiva del mercato dei future. I pesi delle singole materie prime sono limitati al 15% e i settori delle materie prime sono limitati al 33% per promuovere la diversificazione. L'indice viene rivisto e riequilibrato annualmente, con rollover mensili dei futures. 

Lanciato nel 1991, l'S&P Goldman Sachs Commodity Index (S&P GSCI) è stato il primo grande indice di materie prime. L'indice consiste di 24 contratti sulle materie prime ponderati per riflettere la quantità media di produzione globale, progettato per riflettere l'importanza relativa di ciascuna delle materie prime incluse nell'economia mondiale.3  

Il Refinitiv / CoreCommodity CRB Index (CRB), lanciato nel 1994, rappresenta 19 materie prime.4 I componenti sono ponderati per tenere conto della loro importanza economica globale, come le tendenze di produzione e di consumo, le correlazioni tra i settori delle materie prime, nonché i volumi dei futures e la liquidità. La ponderazione dei prodotti petroliferi è limitata al 33%, mentre le materie prime metalliche, agricole e zootecniche sono ordinate in base alla liquidità in tre gruppi equamente ponderati ai quali sono attribuite tre categorie di dimensioni.

Il design di questi indici, compresi i pesi dei componenti e la frequenza di ribilanciamento, contribuiscono a importanti differenze nelle esposizioni a singole materie prime e settori. Per esempio, S&P GSCI tende ad essere fortemente esposto al settore energetico, a causa degli alti pesi del petrolio greggio Brent e WTI, mentre BCOM ha pesi più alti di metalli industriali e preziosi, mentre CRB ha pesi più bassi di metalli preziosi.

Dinamica della Domanda e Dell'offerta, Cicli Economici e Tendenze Secolari

Le economie in via di sviluppo sono un'importante fonte di domanda di materie prime. La dimensione, il dinamismo e la diversità di queste economie ad alta intensità di risorse è una caratteristica importante per le economie sviluppate che tendono ad essere più orientate ai servizi. Gran parte della popolazione mondiale vive in paesi in via di sviluppo come la Cina, l'India e l'Indonesia, che ora rappresentano la maggior parte della classe media mondiale che consuma di più; il Brookings Institute identifica i 3,6 miliardi di classe media del mondo come prevalentemente asiatica, responsabile di più della metà della crescita della spesa delle famiglie nell'ultimo decennio.5

Storicamente i prodotti petroliferi sono stati vitali per l'economia globale. Le tecnologie alternative progettate per ridurre le emissioni di carbonio e mitigare il riscaldamento globale stanno rapidamente diventando un'importante fonte di energia. Si prevede che diventeranno la fonte primaria di energia globale entro la metà del secolo. Queste nuove tecnologie utilizzano intensamente metalli industriali come il platino, il palladio, il rame e il nichel. Le turbine eoliche offshore utilizzano quantità significative di rame (secondo Wood MacKenzie, attualmente 450.000 tonnellate all'anno, che dovrebbero aumentare a 600.000 tonnellate all'anno entro il 2028).6 Un veicolo tradizionale con motore a combustione interna (ICE) utilizza 18 - 49 libbre di rame, mentre un veicolo elettrico (EV) ne contiene circa 132 libbre.7 Un'alta percentuale dei 900 milioni di EV stimati in uso entro il 2040 conterrà batterie ad alta intensità energetica, ciascuna delle quali utilizza 30 - 110 kg di nichel.8 I pannelli solari usano l'argento nella pasta che ricopre i dischi sensibili alla luce, che ora rappresenta circa il 10% del consumo globale di argento.9 Il platino ed il palladio sono componenti essenziali nei convertitori catalitici ICE, che richiedono 2-10 grammi per veicolo; tuttavia i veicoli alimentati da celle a combustibile a idrogeno sono utilizzatori considerevolmente più intensivi tra i 30 ed i 60 grammi di platino.10

Per un decennio, i prezzi dei prodotti agricoli sono stati influenzati negativamente da fattori strutturali. Il conseguente aumento del 30% dell'offerta ha causato un calo significativo dei prezzi di materie prime come mais, soia e grano.11 In risposta al calo dei prezzi, gli agricoltori più anziani del mondo (l'età media degli agricoltori nel Regno Unito è di 59 anni, in Giappone di 67 e in Kenya di 60) stanno andando in pensione a un ritmo rapido. Negli Stati Uniti più di 100.000 aziende agricole hanno chiuso tra il 2011 e il 2018.12 Più immediatamente, la pandemia di COVID ha spostato la manodopera ed impedito il movimento della forza lavoro migrante critica per la raccolta di molte colture, mettendo sotto pressione l'offerta. Le distorsioni della domanda e dell'offerta legate alla COVID hanno anche causato un aumento del prezzo del legname di oltre il 250% da gennaio 2020.13

La Cina, come nazione più popolosa del mondo e la più grande produttrice (con una produzione che supera Stati Uniti, Giappone e Germania messi insieme), è una delle principali fonti di domanda di materie prime. Le principali importazioni di materie prime agricole sono soia, semi oleosi, cotone e lana. I combustibili fossili costituiscono il 13% ed i minerali metallici il 9% delle importazioni.14 La Cina continua il massiccio sviluppo delle infrastrutture, annunciando di recente significative estensioni della sua rete ferroviaria ed aeroportuale ad alta velocità. Per non essere da meno, negli Stati Uniti il piano di ripresa COVID da 2,2 trilioni di dollari dell'amministrazione Biden include ampi impegni per ricostruire le vecchie infrastrutture del paese e per gettare le basi di un'economia a basse emissioni di carbonio.

Un ampio indice delle materie prime con una rilevanza duratura deve catturare una vasta gamma di prodotti che sono influenzati da diversi fattori di domanda e offerta. Allo stesso modo, l'indice deve essere abbastanza ampio da catturare la domanda in evoluzione che si verifica con il rapido cambiamento tecnologico ed economico.

La Liquidità è la Chiave per L'investibilità

Le materie prime tendono a essere più volatili di altre classi di attività, rendendo la liquidità particolarmente importante. La liquidità di specifici futures può essere valutata attraverso la quantità di interesse aperto (il numero combinato di posizioni aperte lunghe e corte) ed i volumi di scambio giornalieri. La liquidità assicura che i partecipanti al mercato siano in grado di comprare e vendere facilmente, abbassando il costo delle transazioni in quanto gli spread denaro/lettera più stretti minimizzano i costi di esecuzione. I mercati profondi con un alto grado di certezza della domanda sono meno volatili dei mercati illiquidi. Un'ampia liquidità attira gli speculatori che forniscono ulteriore liquidità agli investitori. 

I contratti futures su materie prime più liquidi riguardano il petrolio; il greggio Brent è la materia prima più scambiata sull'International Commodity Exchange (ICE) in termini di valore, mentre il West Texas Intermediate (WTI) è scambiato con i maggiori volumi sul New York Mercantile Exchange (NYMEX). I metalli industriali sono più scambiati nei mercati asiatici, l'acciaio sullo Shanghai Futures Exchange ed il minerale di ferro sul Singapore Exchange (SGX), mentre il rame è più scambiato sul London Metal Exchange (LME) e COMEX, parte del Chicago Mercantile Exchange (CME). I maggiori volumi scambiati di oro e d’argento sono su LME. Tra le soft commodities il caffè, la soia ed il cacao sono i più scambiati.15

L'indice RICI utilizza i dati di volume e di liquidità delle borse internazionali per determinare l'investibilità delle materie prime potenzialmente incluse. Se un contratto su una commodity viene scambiato su più di una borsa, generalmente viene selezionato il contratto più liquido tenendo conto sia del volume che dell'interesse aperto. Per esempio, l'argento è scambiato su tre borse - COMEX, ICE Futures e Tokyo Commodity Exchange - il maggior volume medio e l'interesse aperto sono costantemente su COMEX che viene usato per rappresentare l'argento nell'indice. A parte la liquidità, l'indice RICI cerca di includere il contratto che rappresenta la qualità più alta di ogni materia prima.

Accesso All'indice RICI

Gli investitori possono accedere all'ampia esposizione globale alle materie prime fornita dall'indice RICI attraverso il Market Access Rogers International Commodity Index UCITS Exchange Traded Fund. Lanciato nel 2006, è scambiato in GBP alla Borsa di Londra, in USD alla Borsa svizzera e in EUR alla Deutsche Borse.16

Note a Piè di Pagina

  1. RICI Handbook  http://www.beelandinterests.com/RICI%20Handbook.html

  2. Bloomberg Commodity Indices  https://www.bloomberg.com/professional/product/indices/bloomberg-commodity-index-family/?utm_medium=Adwords&utm_campaign=Indices&utm_source=pdsrch&mpam=26469&bbgsum=DG-GP-03-20-M26469&gclid=CjwKCAjw7diEBhB-EiwAskVi15X0C8tA3-XPMZynstHgoFoa18M736607gEHg3hXt-3-KqqHC-AOnBoCSuQQAvD_BwE

  3. S&P GSCI  https://www.spglobal.com/spdji/en/indices/commodities/sp-gsci/#overview

  4. Refinitiv Commodity Indices  https://www.refinitiv.com/en/financial-data/indices/commodity-indices

  5. Brookings Institute  https://www.brookings.edu/blog/future-development/2018/09/27/a-global-tipping-point-half-the-world-is-now-middle-class-or-wealthier/

  6. Riviera.  https://www.rivieramm.com/editors-choice-brand/fast-pace-of-growth-in-wind-energy-driving-demand-for-copper-56058

  7. Copper Development Association.  https://www.copper.org/publications/pub_list/pdf/A6192_ElectricVehicles-Infographic.pdf

  8. Wood MacKenzie  https://www.woodmac.com/news/opinion/batteries-powering-the-fight-against-climate-change/

  9. METAL.DIGITAL  https://metal.digital/articles/silver-and-photovoltaics

  10. World Platinum Investment Council, Platinum Essentials  https://platinuminvestment.com/files/473778/WPIC_Platinum_Essentials_March_2020.pdf

  11. Time  https://time.com/5736789/small-american-farmers-debt-crisis-extinction/

  12. BBC  https://www.bbc.com/future/bespoke/follow-the-food/the-ageing-crisis-threatening-farming/

  13. Fortune  https://fortune.com/2021/05/05/lumber-prices-chart-2021-may-price-of-lumber-going-up-data-wood-shortage-why-so-expensive-to-buy-wood/

  14. World’s Top Exports  https://www.worldstopexports.com/chinas-top-10-imports/

  15. FXSSI  https://fxssi.com/top-10-most-traded-commodities-in-the-world

  16. Market Access  http://www.marketaccessetf.com/Products/MAETFsDetail?ISIN=LU0249326488&clientType=0&cc=gb 

Grazie per aver letto questo articolo su Metal.Digital

Condividilo con la tua rete sociale

Altri Articoli